Il Palcoscenico della Legalità
La Testimonianza del carcere minorile di Ariola

Istituto penitenziario minorile di Airola

__________________________

Nel carcere minorile di Airola (BN) i detenuti hanno partecipato ad un laboratorio teatrale improntato sul lavoro di squadra, per imparare a lavorare insieme, con disciplina di gruppo da maggio a dicembre 2015. Da questa esperienza è nato lo spettacolo Aspettando il tempo che passa. È andato in scena nel teatro settecentesco del carcere, che è stato attrezzato del necessario fabbisogno illumino-tecnico, il 4 dicembre 2015. L’allestimento ha visto il supporto tecnico dei minori detenuti che hanno partecipato ai laboratori.

“Aspettando il tempo che passa” è poi andato in scena il 15 e 16 giugno 2016 in apertura al Napoli Teatro Festival al Teatro Nuovo di Napoli; è tornato a Napoli per una data dedicata a studenti ed insegnanti il 18 novembre 2016 al Teatro La Perla, Agnano, Napoli.

Motivo di grande orgoglio per noi tutti è che da luglio 2016, uno dei ragazzi che ha partecipato ai laboratori presso il carcere di Airola, ha collaborato con il Teatro San Carlo ed oggi collabora all’allestimento di tutta la stagione teatrale del NEST Napoli est teatro, teatro di San Giovanni a Teduccio, periferia est di Napoli, partner di progetto, una delle storie raccontate nello spettacolo “Dieci storie proprio così” e che cura ad oggi la parte di formazione artistica/professionale dei minori dell’istituto penitenziario di Airola all’interno de “Il palcoscenico della legalità”.

Il teatro dell’Istituto Penitenziario Minorile di Ariola

L’edificio che accoglie l’Istituto sorge ai primi del ‘700 quando i Caracciolo, che abitavano il castello sul colle, decisero di trasferirsi a valle. Dotarono la residenza di un teatro, spazio che fu conservato anche quando il palazzo cambiò varie destinazioni d’uso fino a divenire Istituto Penale. Il teatro, oggi dedicato a Silvia Ruotolo, è una bella sala rettangolare con soffitto a cassettoni, sorretto da cariatidi femminili. La scena è affiancata da due mascheroni e sul fondo della sala si affaccia una balconata semiellittica su pilastri. nel teatro si sono svolte diverse attività formative e di spettacolo.
Oggi grazie a questo progetto e al sostegno della SIAE il teatro è stato dotato di una attrezzatura tecnica in grado di offrire una vera programmazione.