SUON(N) E REALTA’ – CARCERE MINORILE DI AIROLA

Il palazzo ducale di Airola fu trasformato in Prigione Scuola Maschile nel 1978, con legge 616/77 la competenza amministrativa passò agli Enti locali. Dal 1988, con la legge 448/88, la struttura è divenuta Istituto Penitenziario Minorile (IPM) con annessa sezione di semilibertà e semidetenzione.

Co2 lavora nell’IPM di Airola dal 2012 in collaborazione con il Dipartimento di Giustizia minorile e il Garante dei diritti dei detenuti della Regione Campania. Attualmente promuove un progetto triennale di formazione multimediale destinato complessivamente a 50 detenuti dell’istituto penitenziario minorile di Airola, con il fine di replicare la buona pratica negli IPM su tutto il territorio nazionale. Co2 vuole consolidare un processo di formazione e reinserimento sociale possibile solo garantendo la continuità dell’azione in tre anni. 150 ore di laboratorio annuale destinato a 15 giovani detenuti, ogni anno, divisi in 2 gruppi. L’attività si svolgerà per entrambi i gruppi all’interno dell’Istituto, e per il gruppo di ospiti in semidetenzione, anche nella sede della Radio web Radio Siani, all’interno del bene confiscato ad Ercolano al boss Birra.

I detenuti dell’Istituto penitenziario sono, in quanto autori di reato, esclusi dall’accesso alla tecnologia in rete, per evitare qualsiasi contatto con la criminalità organizzata all’esterno del carcere. E’ però essenziale, per garantirne il reinserimento sociale, accompagnarli in processi di alfabetizzazione informatica attraverso l’adozione di tecniche e strumenti che favoriscano la creatività in tutte le sue espressioni. 150 ore di laboratorio per sviluppare professionalità del settore multimediale attraverso:

Gestione e conoscenza di programmi di scrittura e grafica anche software free;

Scrittura creativa per la produzione di testi di musica rap;

Formazione, per il gruppo in semidetenzione nella radio-web Radio Siani di tecniche audio, speaker e regia radiofonica.

Gli incontri prevedono l’uso, da parte dei destinatari, di attrezzatura specifica: mixer, casse, microfoni, programmi pc che favoriscono l’apprendimento di nuovi linguaggi media.